La classifica finale e tutti i premi di Verbania for women - assegnati il 12 marzo 2016

 

 

AUTORE

TITOLO RACCONTO

MOTIVAZIONE

PREMIO

 

 

Vesnaver Elena nasce a Trieste il 21 febbraio 1964 e attualmente vive a San Vito al Tagliamento in provincia di Pordenone.

Si diploma all'Istituto d'Arte Drammatica a Trieste, e collabora con la sede RAI di Trieste, prendendo parte a diversi sceneggiati radiofonici.

E' tra i fondatori la Compagnia Teatrodellaluna  e collabora con il settimanale ConfidenzeIntimità. Attualmente collabora in qualità di regista e autore con la Compagnia Teatrale Proscenium, presso la quale tiene corsi di tecnica teatrale.

 

 

TUTTI MI CHIAMANO BIONDA

TUTTI MI CHIAMANO BIONDA

 

Racconto che emoziona anche per il linguaggio scorrevole e adeguato alla personalità semplice della protagonista, Nina, operaia di filanda. La sua evoluzione personale nella fabbrica, la sua crescita da adolescente a donna che contribuisce al bilancio familiare, coinvolge il lettore nella presa di coscienza di chi decide di rivendicare i diritti che le sono dovuti. Nina rappresenta l’esaltazione della donna che si riscatta socialmente

VINCITORE RICEVE EURO 1000,00 (MILLE) e la sua opera verrà pubblicata sulla Rivista Writers Magazine Italia. Inoltre beneficerà di un ulteriore premio offerto dall'associazione Ewwa che consiste nell'editing di una sua opera breve (il racconto vincitore o un altro racconto “nel cassetto”) e inoltre la possibilità di partecipare ai workshop dell’associazione EWWA per 1 anno.

 

 

Ida Ferrari bresciana di padre e madre francese dopo la maturità in ragioneria ha frequentato un corso di scrittura creativa alla Holden di Torino, e ora in alternanza al alla carriera bancaria scrive con grande soddisfazione. È sbatta anche ingaggiata da un editore staniero per scrivere un romanzo sotto pseudonimo … e non può ancora svelare il segreto .

FRANCESCA FOREVER

La narrazione proietta il lettore nelle difficoltà esistenziali di una madre che non sa più come sfamare i propri figli, e che si scontra con il ruolo di potere istituzionale dell’uomo. Il racconto è la rappresentazione esplicita della forza morale femminile prima di Francesca, poi della pronipote di lei, espressa sul doppio registro del linguaggio temporale: arcaico quello della bisnonna nel passato, moderno quello della diretta discendente nel presente.

 

SECONDO CLASSIFICATO riceve EURO 500.00 (CINQUECENTO) un soggiorno di due notti per due persone al Grand Hotel Majestic in B&B + una cena al ristorante Milano e il biglietto per due persone di libera circolazione della Navigazione del Lago Maggiore e l'editing e la traduzione in inglese del proprio racconto partecipante al concorso.

 

 

Grazia Maria Francese nata a Novara il 30 luglio 1955. Sono laureata in Medicina ed esercito la professione di medico di medicina generale dal 1983. Interessi personali: storia dell’alto Medioevo, storia e cultura giapponese. Dal 1995 presiedo un’Associazione che si occupa di discipline orientali. Parlo e scrivo giapponese discretamente (livello 2 del Japanese Proficiency Test). Ho effettato traduzioni in italiano di alcuni testi classici del Buddismo giapponese.

L’ispirazione nel mio caso viene proprio dalla lettura delle fonti storiche. A un certo punto qualche cosa cristallizza e mi domando: sì, ma come sarà andata davvero? C’è scritto che il re è morto avvelenato: chi l’avrà fatto, come, perché? E così comincia…

CHE SIA MIGLIORE DI NOI

La Storia delle nostre Terre lacustri raccontata attraverso gli occhi di un donna. Non un donna qualunque ma una regina. Il ruolo di lei, anche se di rilievo, è comunque subordinato a quello del consorte Berengario. Eppure quando il castello sarà assediato lei non esita a indossare l’armatura e a combattere al fianco dei suoi sudditi per permettere al marito di salvarsi riparando altrove

TERZO CLASSIFICATO riceve 250.00 EURO (DUECENTOCINQUANTA) e l'editing e la traduzione in inglese del proprio racconto partecipante al concorso.

 

VINCITORI PARI MERITO DAL 4° AL 15°

 

 

Girotto Rosanna

CHIEDI A JIM MORRISON

 

Oscar + Bio

 

Bonsignore Daniela

FILO ROSSO

 

Quadro Di Santin Valentino

 

Chiarottino Manuela

FIOR DI LOTO

 

Hotel Zacchera

 

Ciaponi Stefano

FUR THERESE

 

Hotel Il Chiostro

 

Catena Cinzia

I CORVI

 

Hotel Il Chiostro

 

Serena Cappellozza

LA TERAPISTA

 

Cornice Argento

 

Fiorin Stefania

IO NON HO FRETTA ARRIVERÀ IL MOMENTO GIUSTO …

 

Salvini

 

Bastiani Giorgio

LA NOTTE DELLA STREGA

 

Hotel Giardinetto

 

Veroni Laura

LE PAGINE SEPOLTE

 

Libri Alberti

 

Amneris Di Cesare

SONHAR NÃO CUSTA NADA

 

Hotel Il Chiostro

 

Lusetti Lorena

 

STORIE DI ORDINARIA FOLLIA: ALLA RICERCA DI UN LAVORO STRAORDINARIO

 

Hotel Regina Palace

 

Alessandro Tugnolo

SVETLANA E IL MARE

 

Hotel Pallanza

 

PREMIO SPECIALE sulla LEGALITA' alla memoria di PATRIZIA GUGLIELMI.

 

Iafrate Allegra

LA STREGA

 

 

Un magistrato che non mette al rogo "la strega" in base alle sole denunce, ma che istruisce un vero processo prima di decidere il destino della donna accusata

 

 

€ 250,00 da famiglia Guglielmi e redazione Eco Risveglio

 

PREMIO SPECIALE al miglior racconto scritto d a uno STUDENTE

 

Anna Barilli attualmente studia alla POTOMAC HIGH School in Virginia per uno scambio culturale

Gli occhi non crescono

Quattro generazioni di donne raccontate da una di loro, Caterina. attraverso il suo racconto scopriamo come la vita spesso possa rivelarsi tutt'altro che facile da affrontare. eppure ogni ostacolo, quando i legami familiari sono forti e veri come in questa storia al femminile che  coinvolge e suscita emozione, si superano insieme con un sorriso e il cuore aperto alla speranza.

€ 250,00

 

FINALISTI SEGNALATI

 

Gilardi Maurizio

BRIOCHE E CAPPUCCINO A CAPODANNO

 

Attestato e libro

 

Aurilia Silvana

IL CAFFE' CAMBIA IL COLORE DELL'ACQUA

 

 

Guglielmetti Valter

IL MALE MINORE

 

 

Lo Schiavo Anna Rosaria

FEMMINA

 

 

Zanoni Barbara

QUELLA PANCHINA DAVANTI AL LAGO

 

 

PREMI DI MERITO  

 

Sisti M Luigia

LA MILIETTA

Racconto che rende omaggio al Made in Italy e all’eleganza degli atelier delle sorelle Fontana

€ 150 l'uno da CISL

 

Busolin Ubaldo nato nel Veneto, da famiglia contadina, ma sono poi approdato a Milano dove mi sono laureato in Scienze Biologiche nel 1974 in pensione. Pur di formazione scientifica, ho coltivato per diletto narrativa e poesia, partecipando anche a diversi concorsi. L'esigenza di trasmettere nello scritto stampato il "vissuto di dentro" Ho raccontato sempre e solo esperienze tratte dal mio vissuto. Personale, emotivo, sì, ma sempre ispirato dal contesto sociale ed emozionale in cui le esperienze di vita e la cultura mi hanno portato.

RESILIENTI

la difficile sopravvivenza nel mondo delle badanti collegato al riscatto di una donna maltrattata unite in cooperativa resistono a tutte le avversità della vita

 

Verazzo Cristiana

6 GOCCE DI MEMORIA

l’esemplare percorso di una madre e di suo figlio colpito da autismo: il racconto affronta le emozioni, l'amore e la fatica di questa mamma nei confronti del proprio figlio. 

€ 100 l'uno da CIPIR

 

Casati Daniela

ANNA E LA NEVE

un giovane che perde l’uso delle gambe per un incidente d’auto e una mamma che cerca di fargli apprezzare ancora la vita

 

Pedretti Lisa

LA FIGLIA DEL SOLE

Isis e le donne yaziste catturate nei villaggi e vendute come schiave ancora oggi. Donne anche bambine abusate sessualmente e in ogni altro modo possibile

 

Tognon Cheti

MIA SORELLA

Denuncia verso le agenzie interinali e lo sfruttamento dei lavoratori attraverso contratti di durata mensile, togliendo loro ogni diritto.

 

 

De Simone Maria Rosaria

PROFESSORESSA LEI È FEMMINISTA?

una insegnante che spiega agli alunni il dramma del femminicidio

 

Simona Barba

TRALICCI

La lotta civile per impedire il diffondersi dell’inquinamento elettromagnetico.

 

 

PREMIO D'ONORE

 

Comolli Lorenza

QUANDO LE STELLE CAMBIANO COLORE

Shannon Galpin ha rimesso le donne afghane sulla bicicletta, dando il via a una rivoluzione culturale . Sembrava un alieno quando cominciò a pedalare sugli altipiani in sella alla sua mountain bike in un paese in cui alle donne è stato a lungo vietato andare in bicicletta. Shannon è stata la prima persona ad attraversare i 225 chilometri della valle del Panjshir. Sempre con lei un piccolo portafortuna in argento regalato da una ragazza conosciuta qualche tempo prima nella prigione di Kandahar.  Alla cerimonia di inaugurazione dei Giochi asiatici 2014 a Incheon, l’Afghanistan farà il suo esordio con una nazionale di mountain bike femminile, Shannon Galpin sarà l’allenatrice.

DA Ciclomania Barale un casco per bicicletta ROSA

 

Verbania, 12 Marzo 2016